Siamo qui 💙

Il 18 marzo 2016 alle ore 23.25 dopo un faticoso travaglio di 20 ore il mio cucciolo è venuto al mondo. Parto spontaneo fortemente voluto dalla sua mamma e anche dal suo papá.

Mauro: 3 kg e 230 gr e 52 cm di amore puro.

 

Annunci

Vecchio post, ma nuova primavera

Un anno fa proprio di questi periodi scrissi un post sul mio vecchio blog che mi va di riproporvi. Era un post che nasceva dalla visione della trasmissione di Fazio e Saviano “Vieni via con me”, un post che nasceva anche dopo un incontro in un pomeriggio di inizio primavera. É una lista delle 10 cose per cui vale la pena vivere, una lista che a volte dimentico, una lista che dopo un anno non cambierei in nessuno dei suoi punti, una lista che dovrei tenere sempre presente, soprattutto nei momenti bui dell’inverno più profondo. É primavera e la lista è ancora lì, anzi qui, e se vi va con l’avvento della nuova stagione stendete la vostra lista e portatela con voi tutto l’anno.

3 apr, ’11, 1:05 p.
Sulla scia della lista di Saviano delle cose per cui vale la pena vivere stilo la mia, ce ne sarebbero tante altre, ma mi fermo a queste 10. Alcune sono le stesse cose che avevo scritto fra ciò che amo nel blog, altre sono nuove, altre ho dovuto escluderle.

1. Leggere e scrivere.
2. L’aroma del caffè appena sveglia.
3. Il primo giorno di sole dopo un lungo inverno.
4. La poesia e l’arte.
5. Vivere un istante di felicità nel bere un semplice caffè in un terrazzo di fronte a Positano con una persona che ti ha fatto male, ma che nonostante tutto ami ancora, e capire in quell’istante il senso dei moment of being della Woolf.
6. L’odore di terra dopo un giorno di pioggia in piena estate.
7. Svegliarsi ogni mattina presto per andare a seguire i corsi all’università, percorrendo quello che è uno dei tuoi percorsi del cuore: Montesanto, SpaccaNapoli, Piazza del Gesù, San Domenico, Mezzocannone, Chiostro di Porta di Massa, godendosi il primo raggio di sole a Piazza del Gesù nel silenzio di una Napoli ancora addormentata, e il ritorno alle 7 di sera, percorrendo lo stesso percorso a ritroso, quasi correndo per raggiungere il più presto possibile la persona che ami e dormire fra le sue braccia.
8. Le lacrime di tuo padre al matrimonio di tuo fratello e il sorriso di tua madre quando tornavi a casa quando eri una fuorisede.
9. Le tue amiche e le serate a fare quattro chiacchiere bevendo sempre un vodka lemon, perchè non si sa mai quale cocktail scegliere.
10. Fare l’amore in mare, in piena estate.






Non perderti per niente al mondo lo spettacolo di arte varia di uno innamorato di te…




É primavera!!!

Con un giorno in anticipo, finalmente è primavera! E la sento tutta, pienamente. E, vi dirò, l’aspettavo con ansia, come aspettavo l’inverno dopo l’ultima estate, ma l’inverno non è stato come volevo e questa primavera vorrei che durasse in eterno.
L’inverno appena passato penso che sia stato il più duro della mia vita, non scherzo. Ci sono stati inverni duri, ma l’adolescenza si sa è difficile per tutti e ci sono problemi più grandi di te; ci sono stati inverni tristi, come quello scorso in cui ero tutta lacrime e dolore, ma mai nessuno pesante come quello appena trascorso. Pesante perché per la prima volta mi sono trovata non solo a casa da figlia unica, e sì ora ho capito che la presenza di mio fratello in casa mi manca davvero, perché almeno eravamo in due a “sopportare”, ma anche senza l’impegno dello studio, che riempiva gran parte delle mie giornate e mi rendeva intoccabile nei confronti di tutto il resto.
É stato duro, sì, ma l’ho superato e sono ancora qui e mi sento sempre forte come prima o più di prima, ed è di nuovo primavera e presto sarà estate e la mia pelle sarà abbronzata e le mie giornate impegnate e stancanti. 🙂
É primavera e dopo tanto tempo sono arrivate quelle parole, proprio quelle che volevo sentirmi dire da tanto tempo, troppo tempo, senza sapere che erano quelle che aspettavo di sentirmi dire. E sono felice che siano arrivate, perché per me non è mai troppo tardi per dire certe cose e soprattutto per sentirsele dire, e nonostante tutti gli sbagli, gli insulti, il dolore, i messaggi cattivi, il mio essere dura e poi dolce e poi pazza lunatica e poi affettuosa e poi di nuovo quella che respinge, certe parole sono più importanti di tutto il resto.
Buona primavera a tutti.