Non odio il Natale, ma…

Fra una settimana è Natale, ma a me non frega proprio, per niente. Ecco l’ho detto. A me non frega niente del Natale, di tutta questa gioia, del vogliamoci bene, siamo buoni e generosi gli uni con gli altri. Non me ne frega e per giunta quest’anno non ho fatto ancora nemmeno un regalo e non ho nessuna voglia di farli. Non ho mai amato particolarmente il Natale, ma almeno prima mi piaceva fare i regali, pensare a qualcosa che mi piacesse regalare e soprattutto piacesse alla persona a cui andava il dono, e mi impegnavo e ci pensavo al regalo. Ora mi è passata pure tutta questa smania del fare i regali e pensarci. Comprerò le prime quattro cose che mi verranno in mente, se mi va bene due giorni prima di Natale. Sarò cinica, priva di cuore e sentimenti, ma questo è quanto, non ne faccio un vanto, ma nemmeno biasimo me stessa perché è così. Forse un giorno mi ripiacerà pensare ai regali e farli, forse troverò qualcuno che mi farà rivenire questa voglia, ma lo spirito natalizio no, proprio no, perché il punto non è che l’ho perso, ma che semplicemente non l’ho mai avuto.

Con questo chiudo, perché non ho niente di più interessante da dire. Il periodo non è dei migliori, né per la scrittura, né tantomeno per aprire un nuovo blog causa chiusura splinder, quindi chi ha ancora il coraggio di leggermi deve sorbirsi queste quattro chiacchiere a vuoto sul Natale. Come direbbe mia nipote: “Scusatemi”.