Non sfogo, di più

Visto che non posso abbassarmi ai livelli altrui, visto che le provocazioni altrui sono davvero infantili, ho deciso che non risponderò, ma almeno mi devo sfogare qui, che tanto nessuno può leggere e non alimento il gossip vigliacco e pure cattivo di questo paese, e chi legge e mi conosce nella realtà non alimenterebbe mai questo gossip, perché sono solo persone che mi vogliono bene (<3).

Questa sarebbe la mia risposta all’ultima provocazione del cerebroleso, ossia la richiesta di amicizia inviata a me su fb, alla quale ho risposto con un rifiuto e con la cancellazione del suo amico, commercialista delegato alla minchia del comune, dai miei amici. Su di lei poi avrei tante cose da dire, ma ve le risparmio.

“Le scrivo solo per dirle che se crede che aggiungermi tra le sue amicizie sia divertente, che è l’ultima delle sue esilaranti provocazioni e che servirà a continuare ad allietare le serate sue e delle sue amichette e di quei grandi professionisti dei suoi compari faccia pure. Qui abbiamo un gran senso dell’umorismo, ci piace, come fa lei, divertirsi sul dolore altrui. Ripeto che le scrivo solo per dirle questo, e non quello che penso di lei, ad esempio che è un cerebroleso il cui unico neurone rimasto le serve per adescare la troietta di turno, o che un padre di una bambina di 5 anni che permette di rinchiudere una bambina della stessa età della sua in una stanza a chiave per fare i suoi comodi schifosi sicuramente è un padre di merda per la sua di figlia, o che avere quattro muscoli pompati non significa essere la reincarnazione di Adone, o che scopiazzare sul web due aforismi non lo eleva allo status di intellettuale, o che è un fallito che pensa di non esserlo perchè lo va a infilare nei buchi delle gran donne di questo paese. Non sto qui a scriverle ciò che penso di lei, perchè lei è una persona che si commenta da sola, voglio solo dirle che si può continuare a divertire sul dolore altrui, perchè tanto la vita è una ruota che gira ed una volta tocca a me ed un’altra a qualcun altro.”

 
Annunci

Mi mancherai

Mi macherà tutto di te, già lo so. Se solo ti penso a stento riesco a trattenere le lacrime. Mi mancherai e non lo sai. Mi mancherai e non posso dirtelo. Mi mancherà tornare a casa e trovare le tue scarpette vicino al divano e aspettare i tuoi piccoli passi al mattino per alzare le coperte e farti salire su. Perché il tuo primo pensiero quando ti svegliavi qui era correre da me ed entrare nel mio letto ed il mio primo pensiero era quello di aspettare il tuo risveglio per alzare le coperte e farti entrare. Mi mancherai, perché già mi manchi terribilmente. Mi mancherà camminare per strada con la tua manina nella mia. Mi mancheranno i nostri tuffi sempre mano nella mano. Mi mancherà fare la gara per le scale e far finta di non farcela per farti vincere. Mi mancherà farti il solletico, mi mancherà bloccarti sul letto per riempirti di baci. Mi mancherà imboccarti mentre guardi i cartoni, perché non hai mai voglia di mangiare. Mi mancherà anche farti compagnia mentre fai la cacca, mi mancherà aiutarti a fare la doccia, pettinarti e asciugarti i capelli. Mi mancherà tutto, ma proprio tutto. Mi mancherà anche il futuro che non possiamo avere insieme, il poterti insegnare a leggere e aiutarti a fare i compiti l’inverno prossimo.
Mi mancherai, mentre tu forse mi odierai. E questo mi fa ancora più male, perché tu non potrai sapere che io ti ho amata come se fossi sangue del mio sangue, perché per me il sangue non conta niente. Forse crescendo capirai, forse qualche ricordo bello di noi ti resterà, ma più probabilmente ci dimenticherai o ci odierai e sicuramente non capirai il fatto di essere andata via. Forse tua madre ti dirà che siamo stati noi a cacciarti, la verità certo non la potrai sapere mai. Purtroppo anche se per me il sangue non conta un cazzo, il tuo sangue non è il nostro, lei è tua madre e noi non siamo niente.
Io so solo che ti ho amata e ti amo ancora come se fossi mia nipote, anche biologicamente. Forse avrò altri nipoti, nipoti con i miei occhi e il mio dna, ma questo non significa che ti dimenticherò e soprattutto non dimenticherò mai tutte le volte che stavo male e tu eri l’unica che riusciva a farmi sorridere.